Cambiamento strutturale, imprese e lavoro. I dati INAPP-RIL 2007-2014

×

Messaggio di errore

User warning: The following module is missing from the file system: google_charts. For information about how to fix this, see the documentation page. in _drupal_trigger_error_with_delayed_logging() (linea 1143 di /var/www/stage.inapp.org/httpdocs/includes/bootstrap.inc).

22.11.2018 - Come e in che misura coordinare le misure di politica industriale dirette alle imprese con gli interventi riguardanti il mercato del lavoro? Se ne è parlato oggi in INAPP alla Conferenza “Cambiamento strutturale, imprese e lavoro” alla presenza di numerosi esperti del mondo istituzionale e accademico.

"L'iniziativa di oggi è un’occasione per discutere sul complesso rapporto che lega le potenzialità competitive delle imprese e le prospettive di reddito e occupazione nel mercato del lavoro” – ha affermato Stefano Sacchi, Presidente dell’INAPP introducendo i lavori -  “L’attenzione è posta su alcuni fattori dell’economia italiana che condizionano in profondità la capacità di produrre e redistribuire ricchezza: le caratteristiche produttive e manageriali del tessuto imprenditoriale, la tecnologia e l’organizzazione industriale dei mercati, gli assetti istituzionali del mercato del lavoro e delle relazioni industriali".

In particolare l’Indagine INAPP-RIL (Rilevazione Imprese e Lavoro), riferita al periodo 2007-2014, ha evidenziato che:

  • L’uso dei contratti a tempo determinato si associa ad una diminuzione della produttività e dei salari medi, mentre l’investimento in formazione professionalee il ricorso ad accordi integrativi sui premi salariali ne favorisce l’incremento
  • Il livello di istruzione degli imprenditori italiani è più basso della media europea
  • La presenza di un imprenditore laureato riduce il ricorso a contratti a tempo determinato, mentre la conduzione familiare si associa ad una diminuzione del ricorso ad accordi sui premi salariali.
  • La forte complementarietà tra capitale umano, innovazione e performance produttiva da un lato, tipo di contratti, salari e produttività dall’altro rende le politiche rivolte singolarmente a ciascuno di questi aspetti meno efficaci di un approccio integrato

 

Ufficio stampa

Simona Sperindè - Valeria Cioccolo

06 85447597 - 059

347 3773236 - 338 3893383